Questo sito utilizza i cookies. Se prosegui, acconsenti al loro utilizzo. Leggi la Cookie Policy

CAMPIONATURE MINIME E RELATIVE PROVE MECCANICHE OBBLIGATORIE

 CALCESTRUZZO

Un prelievo consiste nel prelevare dagli impasti, al momento della posa in opera ed alla presenza del Direttore dei Lavori o di persona di sua fiducia, il calcestruzzo necessario per il confezionamento di una coppia di provini.

La media delle resistenze a compressione dei due provini che costituiscono un campione rappresenta la “Resistenza di prelievo” che costituisce il valore mediante il quale vengono eseguiti i controlli del calcestruzzo.

Il controllo di accettazione va eseguito su miscele omogenee e si configura, in funzione del quantitativo di calcestruzzo:

  • controllo di tipo A (fino a 1500 mc)
  • controllo di tipo B (oltre i 1500 mc)

controllo di tipo A e riferito ad un quantitativo di miscela omogenea non maggiore di 300 mc. Ogni controllo di accettazione di tipo A e rappresentato da tre prelievi, ciascuno dei quali eseguito su un massimo di 100 mc di getto di miscela omogenea. Risulta quindi un controllo di accettazione ogni 300 mc massimo di getto.

Per ogni giorno di getto va comunque effettuato almeno un prelievo. Nelle costruzioni con meno di 100 mc di getto di miscela omogenea, fermo restando l’obbligo di almeno tre prelievi e del rispetto delle limitazioni di cui sopra, e consentito derogare dall’obbligo di prelievo giornaliero (minimo n. 6 provini).

 controllo di tipo B e riferito a opere strutturali che richiedano l’impiego di più di 1500 mc di miscela omogenea. Il controllo e riferito ad una definita miscela omogenea e va eseguito con frequenza non minore di un controllo ogni 1500 mc di calcestruzzo. Per ogni giorno di getto di miscela omogenea va effettuato almeno un prelievo, e complessivamente almeno 15 prelievi sui 1500 mc.

Quantitativo di CLS omogeneo Tipologia controllo di accettazione Numero minimi Prelievi Note
 ≤ 100 mc
 A
3 campioni (6 cubetti di cls) E' consentito derogare dall'obbligo di prelievo giornaliero
 ≤ 300 mc  3 campioni (6 cub.) (di cui 1 ogni100 mc) Per ogni giorno di getto va comunque effettuato almeno un prelievo giornaliero
 > 1500 mc  B  15 campioni (30 cubetti di cls) Per ogni giorno di getto va comunque effettuato almeno un prelievo giornaliero

 

 Il prelievo dei campioni va effettuato a cura del Direttore dei Lavori o di tecnico di sua fiducia che deve assicurare, mediante sigle, etichettature indelebili, ecc., che i campioni inviati per le prove al laboratorio incaricato siano effettivamente quelli da lui prelevati. I provini dovranno essere accompagnati dagli estremi del deposito del marchio presso il Servizio Tecnico Centrale.

I controlli di accettazione in cantiere sono obbligatori, devono essere effettuati entro 30 giorni dalla data di consegna del materiale, il campionamento viene effettuato su tre spezzoni marchiati di uno stesso diametro nell’ambito di ciascun lotto di spedizione, sempre che il marchio e la documentazione di accompagnamento dimostrino la provenienza del materiale da uno stesso stabilimento. In caso contrario i controlli devono essere estesi ai lotti provenienti da altri stabilimenti.

Provenienza Numero prelievi Numero e lunghezza spezzoni
Unico stabilimento 1 prelievo ogni lotto di spedizione

3 spezzoni del diametro scelto ciascuno di lunghezza >1,50 m

Lotti di spedizione: sono lotti formati da massimo 30 t, spediti in un’unica volta, costituiti da prodotti aventi valori delle grandezze nominali omogenee.

La lunghezza necessaria di ogni barra di acciaio per eseguire le prove obbligatorie e maggiore di 150 cm.

 I certificati rilasciati dal Laboratorio incaricato dei controlli, devono riportare l’indicazione del marchio identificativo rilevato sui materiali consegnati. Ove i campioni fossero sprovvisti di tale marchio, oppure il marchio non dovesse rientrare fra quelli depositati presso il Servizio Tecnico Centrale, le certificazioni emesse dal laboratorio non possono assumere valenza ai sensi delle norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M. 14 gennaio 2008 e di cio ne deve essere fatta esplicita menzione sul certificato stesso.

RETI E TRALICCI

I controlli di accettazione in cantiere sono obbligatori e devono essere effettuati su tre saggi ricavati da tre diversi pannelli, nell’ambito di ciascun lotto di spedizione.

Le dimensioni necessarie per eseguire le prove sono dei fogli da 100 cm x 100 cm per ogni saggio per le reti e lunghezza di 100 cm per i tralicci.

Ogni pannello o traliccio deve essere inoltre dotato di apposita marchiatura che identifichi il produttore della rete o del traliccio stesso.

ACCIAIO DA CEMENTO ARMATO PRECOMPRESSO

I controlli in cantiere demandati al Direttore Lavori sono obbligatori, il prelievo di 3 saggi va effettuato per ogni lotto di spedizione di massimo 30t.

Qualora la fornitura di cavi preformati provenga da un Centro di trasformazione, il D.L. esaminata preliminarmente la documentazione attestante il possesso di tutti i requisiti previsti dal D.M., che il suddetto Centro di trasformazione e tenuto a trasmettergli, può recarsi presso il medesimo Centro di trasformazione ed effettuare in stabilimento tutti i controlli previsti.

In tal caso il prelievo dei campioni viene effettuato dal Direttore tecnico del centro di trasformazione secondo le disposizioni del Direttore dei Lavori; quest’ultimo deve assicurare, mediante sigle, etichettature indelebili, ecc. che i campioni inviati per le prove al laboratorio incaricato siano effettivamente quelli da lui prelevati, nonché sottoscrivere la relativa richiesta di prova

ACCIAIO PER STRUTTURE METALLICHE

Per ogni fornitura devono essere effettuate almeno 3 prove per ogni lotto di spedizione, di massimo 30 ton. Il Direttore dei Lavori deve identificare in modo indelebile i campioni inviati per le prove.

N° 3 provette ricavate da tre profilati diversi (dimensione minima, massima e intermedia) e per ciascuna fornitura di 30t o frazione trazione
N° 9 provette con intaglio a V ricavate in ragione di n°3 per tre profilati diversi (dimensione minima, massima e intermedia) e per ciascuna fornitura di 30t o frazione resilienza